DOLCI, GLUTEN FREE

Quanti tipi di baci conosci?

baci-di-dama-senza-glutine
Sapete quanti tipi di baci esistono? Uno … forse due? Naaaa … molti di più! Pensate un po’, secondo Cosmopolitan ne esistono addirittura 14 ! C’è il bacio sulla fronte, quello sulla guancia, sul naso, quello  alla Francese e tanti altri ancora, ed ognuno di loro ha un significato specifico in amore. Io però ho una mia idea dei baci e delle tipologie di bacio esistenti.

Per me esistono 3 tipi di bacio …

Il bacio sfigato. E’ quel bacio che sperimenti soprattutto nei momenti di “magra”, quelli in cui non ti si fila nessuno e non ti resta che sognare di essere salvata dal tuo principe azzurro o salvare  la tua principessa bionda. Quei baci che sogni di dare al tuo attore o cantante preferito, attorno ai quali costruisci un mega castello di episodi romantici. Quei baci che non si danno sulla bocca a qualcuno ma che rimangono delle semplici esercitazioni davanti lo specchio. Chi di voi non ha mai fatto le prove baciando uno specchio?

Il bacio che sorprende. Molti lo chiamano “a stampo” perché dato sulla bocca con le labbra chiuse, spesso velocemente e all’improvviso. E’ il bacio che arriva nei momenti d’imbarazzo dei primi giorni di conoscenza, il bacio che abbiamo dato/ricevuto fuori dalla scuola, sul muretto o sotto il portone in ritardo già di 20 minuti per rincasare. E’ quel bacio che ricevi all”improvviso mentre parli ininterrottamente per evitare imbarazzi e che significa “stai zitto” più che “mi piaci“. A me è capitato spesso … di rincasare tardi, cosa avevate capito?!

Il bacio che “acchiappa”. E’ il bacio vero, quello dell’amore, della passione. Questo bacio è l’espressione dell’appeal sfrenato che eserciti sul proprio partner, quello che ti fa scordare dove sei e come ti chiami, che ti coinvolge, ti eccita e che è spesso l’anticamera di altro … E’ il bacio dato con la lingua e che coinvolge tutto il corpo.  Quando sei preso veramente da qualcuno – quando t’acchiappa veramente – non c’è scampo! Ad avercene di questi baci …

Il bacio rimane comunque qualcosa di personale, è unico e cambia a seconda delle persone, delle situazioni e delle alchimie. Il bacio da sempre è  protagonista di racconti, di scene di film, di opere d’arte. Per  esempio il bacio più bello dato nella storia del cinema, per me  è quello tra Tobey Maguire e Kirsten Dunst in Spiderman … Lui la salva da un’aggressione, sparisce e poi si ripresenta appeso ad un filo di ragnatela a testa in giù! Ecco, prova un po’ a farlo anche tu!

baci di dama senza glutine

Il bacio più bello …

Così come nella pittura – Il Bacio di Picasso il mio preferito – o nella scultura – per me Amore e Psiche di Canova  –  o  anche nella scrittura abbiamo scene o racconti di baci che ci rimangono impressi e che rappresentano in un certo modo il bacio che vorremmo dare o ricevere.

Anche nella cucina il bacio è protagonista. Io ho ben impresse le volte in cui mia nonna e mia madre, quando preparavano  in particolare il pane, lasciavano un bacetto sull’impasto come segno di ringraziamento per il pane ricevuto, una benedizione e un buon augurio affinché lievitasse bene. Oppure Il bacio “a scrocchio”  che ti dai sulle  punta delle dita per dire ” mmmmua, il piatto è al bacio!”. Ma il bacio indiscusso in cucina è quello di dama. I baci di dama sono dei biscotti creati 100 anni fa a Tortona in Piemonte, composti da due calotte di biscotto unite-attaccate dal cioccolato. Sembrano proprio due labbra che si baciano. Originariamente venivano preparati con le nocciole, più facili da trovare e anche meno costose delle mandorle. Successivamente la mandorla ha preso il posto ufficiale nella ricetta. Oggi vi presento una versione di Baci di dama senza glutine,  molto semplice e facile da preparare e profumata al Brandy. Vi lascio alla ricetta e lasciamoci baciare e baciamo nella vita … che ci fa bene!

Baci-di-dama-senza-glutine

INGREDIENTI dei miei Baci di Dama senza glutine

– 100 gr di mandorle
– 120 gr di farina di riso
– 100 gr di zucchero di canna
– 100 gr di burro
– 1 cucchiaino raso di Rum (o Brandy)
– 100 gr di cioccolato fondente

PREPARAZIONE dei miei Baci di dama senza glutine 

  • – Nel mixer tritate le mandorle insieme allo zucchero, così da assorbire l’olio che le mandorle rilasciano
  • – aggiungete il burro che avrete lasciato almeno 15 minuti a temperatura ambiente e poi ammorbidito con le mani
  • – aggiungete il cucchiaino di Brandy,  la farina di riso e cominciate ad amalgamare il tutto fino a che non formerete una palla
  • – avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per un’ora
  • – trascorso il tempo indicato, riprendete l’impasto e stendete una sfogliati 3 cm
  • – formate delle striscioline e poi dei pezzetti di pasta che, con le mani, arrotolerete formando delle palline leggermente schiacciate (ma non esagerate!). IMPORTANTE è cercare di formare palline della stessa misura
  • – mettete le palline su un piano  cottura  ricoperto da carta forno e cuocete a 170° per 20 minuti
  • – nel frattempo sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente  e fatelo raffreddare per alcuni minuti
  • – terminata la cottura dei biscotti, potete procedere con la costruzione dei baci di dama senza glutine, spalmando con un coltello o un cucchiaino il cioccolato sulla parte più piana del biscotto e poi  ricoprite con un’ altro biscotto
  • – fate raffreddare completamente

Buona degustazione dei Baci di dama senza glutine

Manolo

Baci-di-dama-senza-glutine

Baci-di-dama-senza-glutine

Baci-di-dama-senza-glutine

Baci-di-dama-senza-glutine

Con questa ricetta partecipo al contest “ Noci, nocciole & frutta secca ” del blog “lastufaeconomica

contest

Ed essendo Venerdi partecipo anche al 100% Gluten Free (Fri) day

ilove-gffd