FreeTIME, LIBRI

MONDONAUTA

Mondonauta

mondonauta-darinka-montico

Due sono le verità che con questo libro vi voglio confermare. La prima è che si può davvero girare il mondo senza un euro in tasca. La seconda è che a volte,  per realizzare i propri sogni ci vuole soprattutto una “sana pazzia”!

Diverse volte vi ho parlato dei miei viaggi, o meglio delle volte in cui (ben tre) ho mollato tutto e sono andato all’arrembaggio per il mondo, con o senza soldi, accompagnato solamente dalla voglia di “andare” e dal mio zaino in spalla come casa. Fermiamoci proprio su quest’ultima cosa, lo zaino in spalla come casa! E’ stata proprio la descrizione che ha fatto del suo  zaino,  che mi ha convinto a comprare il suo libro … Sto parlando di Darinka Montico, scrittrice, fotografa e blogger piemontese di origini slave. Dopo aver vissuto fuori dall’Italia per circa 15 anni, facendo i lavori più disparati, due anni fa decide di tornare in Italia e di dedicarsi completamente alle sue passioni: Viaggiare, scrivere, fotografare e sognare!

Si lo so, ce ne sono diversi di pazzi che mollano tutto e partono e che nel frattempo ci scrivono su un libro … ma lei, credetemi, ha fatto qualcosa di diverso perché NON ha mollato tutto. No, lei al contrario non ha mollato proprio  nulla , lei ha raccolto piuttosto tutto ciò che ha conosciuto, imparato, ricevuto nel mondo e lo ha messo nel suo zaino. Un bagaglio in spalla, che l’ha accompagnata per una lunga traversata dell’Asia, in cui il viaggio stesso diventa non solo scoperta dei luoghi più affascinanti e sconosciuti, ma anche una scoperta della propria persona . Una “terapia”, che le ha permesso di riprendere lo spazio intero di se stessa nel mondo.

Ne ho letti molti, troppi di libri di viaggio e di partenze “pazze” (che per me pazze non sono!)  … ma il suo è così-realmente-vero!

E leggendo, mi sono ritrovato in molti suoi stati d’animo, che ti abitano quando sei sulla strada, nel mondo e lontano da casa tua. Quegli stati d’animo che ti portano il presente  nudo e crudo davanti agli occhi,  che ti scoraggiano inizialmente ma che poi,  diventano la fonte stessa in cui trovare la  piena consapevolezza di te stesso e della propria libertà,  di scegliere il modo di vivere la tua vita!

Mondonauta è un libro – un viaggio tra i fogli di carta – che voglio stra-consigliarvi anche e soprattutto perché non è finanziato e pubblicato da nessuna casa editrice, bensì dall’autrice stessa. Acquistando il suo libro, sosteniamo quindi il suo sogno e progetto di vita e a me pare una buona causa!  Anche questa una scelta controcorrente, direi “cazzuta” e libera, proprio come lo spirito di Darinka, sulle strade del mondo.

Mentre io scrivo e voi leggerete, Darinka si trova nel nord Europa, da cui partire per una nuova avventura: continuare a girare il mondo in bicicletta e in barca a vela!

Per acquistare Mondonauta, il libro di Darinka Montico puoi ciccar qui .

Buona lettura!

Manolito

La trama 

Il Laos è la fonte, da qui partono due “viaggi zaino in spalla” che scorrono parallelamente alternandosi capitolo dopo capitolo in un vortice ritmato di avventure, umanità, geopolitica e rock and roll. L’autrice, dopo un sentito tradimento, parte per un’avventura epica che da Vientiane la spingerà fino alla Scandinavia, attraversando tutta l’Asia centrale da sola via terra. L’incontro con gli uiguri oppressi dal regime nello Xinjiang, i passaggi in autostop ridiscendendo la catena himalayana evitando per un soffio una guerra civile per rifugiarsi con una famiglia di nomadi chirghisi nelle loro Yurta tra le vette innevate sono tutte esperienze fotografate attraverso la penna della scrittrice che con ironia e schiettezza fa del lettore un vero e proprio compagno di viaggio. Mondonauta è un reportage di viaggio talmente surreale che trascende da quella che è la semplice letteratura di viaggio arrivando a sfiorare lo status di romanzo, È un opera di viaggio “on the road” senza filtrii che strizza palesemente l’occhio alla beat generation affrontando tematiche quali il sesso, la droga e ovviamente la strada. Il viaggio si fa terapia e il mondo tempio nel viaggio dei viaggi alla scoperta dei continenti ma soprattutto dell’animo umano. Viaggiare per dimenticare spesso porta a riempire il vuoto di memorie meravigliose che annullano il dolore e che ci riportano a galla per essere di nuovo liberi, leggeri e ritrovarci di nuovo sulla strada giusta.