GLUTEN FREE, PANI

E la fretta diventò tradizione e celebrazione. Pane Azzimo

 

C’è un alimento che più di ogni altro,  per me simboleggia la Pasqua: il Matzah o  pane azzimo. E’ un pane molto caro al popolo Ebraico, un simbolo ed un vero e proprio rito tradizionale che si ripete ogni anno durante la Pesach, cioè la Pasqua Ebraica. Tradizionalmente viene prodotto con la farina di 5 cereali: frumento, orzo, avena, segalespelta ed è assolutamente senza lievito.

Anche se sono Cristiano,  a Pasqua – come tra l’altro prevededono i nostri rituali – mi piace ricordare il racconto del popolo Ebraico e della sua Pesach. Trovo in essa profondità, fascino, celebrazione e radici.

La “fretta” che diventò tradizione e celebrazione …

La Pesach è la Pasqua Ebraica, ed è la più importante festa d’Israele, ancora oggi celebrata. Dura ben otto giorni ed è un grande momento di raccoglimento e di celebrazione, che viene solitamente passato in famiglia. Con la Pesach si ricorda l’esodo del popolo ebraico e la fine della schiavitù in Egitto. Una liberazione che portò molta fretta al popolo: non avevano tempo da perdere ed è per questo  che “fecero cuocere la pasta che avevano portata dall’Egitto in forma di focacce azzime, perché non era lievitata: erano infatti stati scacciati dall’Egitto e non avevano potuto indugiare; neppure si erano procurati provviste per il viaggio.” (Esodo 12,39). La fretta. La fretta con cui uscirono dalla schiavitù d’Egitto è diventata quindi, motivo di celebrazione per loro.

pasqua ebraica

Quando mi trovavo in Israele, ho avuto l’onore e la gioia di vivere le celebrazioni di questa festa; ero ospite a Gerusalemme presso la famiglia del mio amico Isaac e ricordo che la prima sera di questi otto giorni di preparazione,  un suo zio che era il più anziano fra i presenti, ha ripercorso l’intera vicenda del conflitto tra il popolo ebraico e il faraone d’Egitto. Vista la mia presenza voleva farlo in Inglese o francese, ma l’ho supplicato di leggerlo e – a tratti- cantarlo in Ebraico così da goderne il fascino originale. Tutti quanti, ma specialmente i bambini, sono poi coinvolti in canti e racconti tradizionali.

Ma in cosa consiste la cena della Pasqua Ebraica?

La cena ha un ordine di presentazione e rituale ben preciso, specialmente il piatto servito: il Sedar. Al centro del piatto si mettono tre Matzah per ricordare appunto la fuga dall’Egitto. Intorno vi sono i karpas, che solitamente sono dei gambi di sedano,  che ricordano la corrispondenza della festività di Pesach con la primavera e la mietitura anch’esse motivo di festeggiamenti. Poi, le erbe amare per  rappresentare la durezza della schiavitù, una zampa arrostita di capretto,  che rappresenta l’agnello pasquale che gli ebrei sacrificarono nella notte della morte dei primogeniti egiziani. Un uovo sodo,  in ricordo del lutto per la distruzione del Tempio e poi infine una sorta di marmellata di mele, datteri, mandorle, prugne, noci e vino per  rappresentare la malta usata dagli ebrei durante la schiavitù per le costruzioni delle città.

Alcune cose ti colpisco e ti restano nel cuore. E’ estremamente affascinante poter assistere ad una celebrazione del genere e ammirare il modo in cui, dopo migliaia di anni, abbiano rispetto delle tradizioni. Ed è così che nasce il mio amore per questo pane azzimo e il ricordo durante la nostra Pasqua che, se pur celebrata con principi e riti differenti, esorta comunque ad un dono universale: la  libertà.

pasqua ebraica

Come si prepara il pane azzimo?

E’ un pane semplice e molto veloce da fare, che tutti conosciamo.   Non ho usato per ovvie ragioni le farine dei cinque cereali sopra indicati, ho usato altre farine mixate e il risultato è comunque ottimo. Ho evitato ingredienti che molte persone aggiungono, tipo olio e sale cercando di attenermi il più possibile alla ricetta originale. Solitamente viene preparato in forma quadrata e dallo spessore sottilissimo, ma anche elaborato in forma di panetti molto schiacciati e morbidi.

Ingredienti per il mio Matzah della Pasqua Ebraica

150 g di Farina di Tapioca
250 g di farina di riso
150 ml di acqua fredda

Preparazione 

  • – Setacciate e mixate le farine in una ciotola
  • – aggiungete lentamente l’acqua e con aiuto di un cucchiaio in legno, girate fino ad ottenere un composto omogeneo (se occorre farina o acqua, aggiungete)
  • – formate una palla e passatela su un piano da lavoro
  • – dividete in 4 o 6 parti l’impasto e stendete dei dischi di sfoglia
  • – con l’aiuto di una forchetta punzecchiate i dischi  e poneteli sul piano cottura senza carta da forno
  • – cuocete a 250° in forno statico per circa 12 minuti (6 minuti per parte)
  • – lasciate raffreddare e servite in tavola

Buona preparazione della Pasqua!

Manolo

pasqua ebraica

pasqua ebraica

pasqua ebraica

IMG_4457

pasqua ebraica