DOLCI

CROSTATA CON MORE SENZA GLUTINE

Una signora che abita nello stabile dove ho il negozio, mi ha riportato un cestino di more che ha raccolto in campagna. Non appena le ho visto ho pensato subito ad una crostata con more senza glutine.

Facile la frolla e facile la farcitura: ho optato infatti per una crema Chantilly che soprattutto d’estate rimane la mia preferita su frolle o nei dolci al cucchiaio.

Si conserva tranquillamente per 3-4 giorni in frigorifero e si può servire la crostata con more senza glutine a colazione oppure come dessert dopo un pasto tra amici. Farete un figurone!

Vi lascio alla ricetta. Buona giornta!

 

CROSTATA CON MORE SENZA GLUTINE 

crostata con more senza glutine

Ingredienti per la pasta frolla:

  • – 300 g di farina (io metà riso e metà quinoa)
  • – 2 uova
  • – 100 g di zucchero di canna
  • – 80 g di olio di semi
  • – scorza di limone q.b.

Ingredienti per la crema Chantilly:

  • – 250 g di panna fresca
  • – 80 g di zucchero a velo
  • – 1/2 bacca di vaniglia

More per guarnire la superficie

 

Preparazione della crostata con more senza glutine:

  • – In una ciotola lavoriamo con le fruste elettriche le uova, l’olio e lo zucchero
  •  – Aggiungiamo la farina e continuiamo a girare tutto con un cucchiaio in legno e poi con le mani fino ad ottenere un impasto compatto
  • – stendiamo una sfoglia e adagiamola in uno stampo per crostate 18 – 22 cm di diametro
  • – mettiamo un foglio di carta forno in superficie e dei legumi secchi per procedere con la cottura senza farcia per mezz’ora a 180°
  • – Nel frattempo dedichiamoci alla crema chantilly montando la panna fredda di frigorifero, con lo zucchero a velo e la bacca di vaniglia
  • – Una volta sfornata e raffreddata la frolla, riempiamola con la crema chantilly cercando di non appianare troppo in superficie ma di lasciare l’effetto “ciuffi” e decoriamo con le more

Alla prossima ricetta!

Manolo

 

crostata con more senza glutine

 

Se ti è piaciuto l’articolo lascia un commento di seguito. A me farà piacere risponderti!

 

Manolo Rufi