Gluten free, KITCHEN, Vegan Vegetariano

TORTA VEGANA AL CAFFE’ , MANDORLE A CIOCCOLATO FONDENTE

Torta vegana al caffè con mandorle e cioccolato fondente

 

Semplice torta vegana al caffè con l’aggiunta di mandorle e cioccolato fondente. Davvero semplice! Certamente non si può dire che le mie ricette siano complicate; se dovessi proporre piatti impegnativi, decorazioni super articolate e consigli perfetti  sarebbe impossibile per me tenere un blog! Non sono un cuoco, ma come più volte cerco di sottolineare sia qui che sui miei social, condivido semplicemente ciò che preparo per me e per i miei amici.

Le mie torte sono sempre composte da pochi ingredienti, tutto in una ciotola e senza troppe manovre. L’unica caratteristica che le accomuna è che son tutte fatte con farine naturali, quindi senza glutine. E spesso, come in questo caso elaboro dolci e salati anche senza latte e senza uova, così da avere una ricetta ancora più leggera e che può essere condivisa anche con i nostri amici vegani.

Procediamo allora insieme, basta avere una ciotola, una frusta manuale, un cucchiaio in legno e uno stampo per dolci (va bene anche uno stampo per ciambelle). A lavoro!

 

TORTA VEGANA AL CAFFE’, MANDORLE E CIOCCOLATO FONDENTE

 

torta vegana al caffè

 

Ingredienti per uno stampo di 22 cm

• 280 ml di acqua
• 30g di caffè solubile
• 300 g di farina di riso integrale
• 80 ml di olio di semi
•100g di zucchero di canna
• 1 bustina di lievito per dolci
• 100g di cioccolato fondente minimo 70%
• un po’ di mandorle (a piacere)

Preparazione della torta vegana al caffè:

  • – Per preparare la nostra torta vegana al caffè, mandorle e cioccolato fondente, prendiamo una ciotola e uniamo gli ingredienti liquidi alle polveri.
  • – Versiamo l’impasto nello stampo e spargiamo ancora mandorle, cioccolato fondente a pezzi e zucchero di canna.
  • – Cuociamo per 50 minuti in forno a 180 gradi.

 

 

Qui ci sono altre ricette interessanti!

 

 

Se ti è piaciuta la ricetta lasciami un messaggio di seguito, sarà per me un piacere risponderti!

Manolo Rufi